La società statunitense Linex Technologies, attiva nello sviluppo e commercializzazione di tecnologie wireless, nei giorni scorsi ha avviato azione legale per contraffazione di brevetto nei confronti di diverse società tra cui Apple, Hewlett-Packard e Aruba. Come spesso accade in questi casi, Linex ha iniziato in realtà due procedimenti paralleli nei confronti dei convenuti: uno davanti alla International Trade Commission (ITC) statunitense e uno davanti alla District Court del Delaware.

Oggetto del contendere sono, secondo l’intestazione del complaint depositato all’ITC, determinati “strumenti e sistemi di comunicazione wireless, loro componenti e prodotti che li contengono“. Secondo Linex, infatti, dispositivi wireless commercializzati dai convenuti violerebbero i suoi brevetti statunitensi n. 6,757,322 e RE42,219 relativi alla tecnologia c.d. “MIMO” (multiple-input and multiple-output), la quale è basata sostanzialmente sull’uso di antenne multiple da parte sia del trasmettitore che del ricevitore al fine di migliorare la comunicazione. (…)

Linex nei propri complaint afferma in particolare che l’ultimo standard per la trasmissione di dati in modalità wireless, ovvero lo standard “IEEE 802.11n”, presenta come caratteristica migliorativa rispetto agli standard precedenti proprio quella di consentire agli strumenti di ricezione / trasmissione dei dati di operare in modalità MIMO. Secondo Linex, numerosi laptop commercializzati dai convenuti, compatibili con lo standard IEEE 802.11n e operanti in modalità MIMO, violerebbero per l’appunto i brevetti di Linex stessa sulla tecnologia MIMO.

Alla luce della violazione così asseritamente commessa, Linex chiede all’ITC di vietare l’importazione negli USA dei dispositivi in questione e la vendita dei prodotti già importati, e alla District Court del Delaware di inibire i convenuti dalla prosecuzione degli illeciti e di condannarli al risarcimento del danno causato.